Articoli

9 Novembre 2020
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

La Direttiva Copyright (n. 790/2019): art. 17 (Parte I)

Il par. 1 dell’art. 17 chiarisce quando i prestatori di servizi online compiono un atto di comunicazione al pubblico e quali conseguenze ne derivano in termini di obbligo di ottenere un’autorizzazione dal titolare dei diritti d’autore sulle opere a cui viene dato pubblico accesso.

L’obiettivo perseguito dall’art. 17 della Direttiva Copyright è sintetizzato dal considerando 61 della stessa direttiva: se da un lato “I servizi online … offrono al settore culturale e creativo grandi opportunità di sviluppare nuovi modelli di business…, essi creano anche problemi quando vengono caricati contenuti protetti dal diritto d’autore senza il previo consenso dei titolari dei diritti”. Ciò determina “incertezza giuridica circa il fatto che i fornitori di tali servizi effettuino atti rilevanti per il diritto d’autore e debbano ottenere l’autorizzazione dei titolari dei diritti per il contenuto caricato dai loro utenti”. E “tale incertezza incide sulla capacità dei titolari dei diritti di stabilire se, e a quali condizioni, le loro opere e altri materiali siano utilizzati, nonché sulla loro capacità di ottenere un’adeguata remunerazione per detto utilizzo”.

A tali fini, la tecnica giuridica utilizzata dal legislatore unionista è stata di stabilire a quali condizioni il prestatore di servizi online compia un atto di comunicazione al pubblico e, conseguentemente, di farne derivare l’obbligo di ottenere un’autorizzazione dal titolare dei diritti per l’uso online di tali materiali.

L’art. 17, al paragrafo 1, stabilisce infatti che “Gli Stati membri dispongono che il prestatore di servizi di condivisione di contenuti online effettua un atto di comunicazione al pubblico o un atto di messa a disposizione del pubblico ai fini della presente direttiva quando concede l’accesso al pubblico a opere protette dal diritto d’autore o altri materiali protetti caricati dai suoi utenti.

Un prestatore di servizi di condivisione di contenuti online deve pertanto ottenere un’autorizzazione dai titolari dei diritti, ad esempio mediante la conclusione di un accordo di licenza, al fine di comunicare al pubblico o rendere disponibili al pubblico le dette opere.

Avv. Alessandro La Rosa