Articoli

2 Aprile 2021
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

Quando i mattoncini Lego rivendicano la loro tutelabilità

Il Tribunale dell’Unione Europea con la sentenza emessa nella causa T-515/19 ha stabilito che se le caratteristiche estetiche di un oggetto non sono imposte dalla funzione tecnica che questo è chiamato ad assolvere, il predetto oggetto potrà essere tutelato con la disciplina in materia di disegni e modelli.

A seguito di una domanda di dichiarazione di nullità presentata dalla società Delta Sport Handelskontor, la commissione di ricorso dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale, con decisione del 10 aprile 2019, aveva ritenuto che, poiché tutte le caratteristiche dell’aspetto del prodotto interessato dal disegno o modello contestato erano imposte esclusivamente dalla funzione tecnica del prodotto, quest’ultimo non avrebbe potuto beneficiare della tutela in materia di disegni e modelli. Pertanto, l’EUIPO, investito della questione, in applicazione delle disposizioni del regolamento sui disegni e modelli comunitari aveva dichiarato nullo il disegno o modello in esame.

Contro tale decisione, la società Lego ha adito il Tribunale dell’Unione Europea al fine di ottenere l’annullamento di tale decisione.

In particolare, la commissione di ricorso EUIPO aveva individuato le seguenti caratteristiche dell’aspetto del prodotto: (i) la fila di bottoni sulla faccia superiore del mattoncino, (ii) la fila di cerchi più piccoli sulla faccia inferiore del mattoncino, (iii) le due file di cerchi più grandi sulla faccia inferiore del mattoncino, (iv) la forma rettangolare del mattoncino, (v) lo spessore delle pareti del mattoncino e (vi) la forma cilindrica dei bottoni.

Secondo gli assunti della commissione di ricorso, le caratteristiche summenzionate sarebbero state imposte esclusivamente dalla funzione tecnica del mattoncino, finalizzata all’assemblaggio di un mattoncino con altri mattoncini del gioco.

Di segno diametralmente opposto è stata la sentenza in commento.

Il Tribunale, infatti, ha stabilito che secondo il regolamento, “un disegno o modello comunitario non conferisce diritti sulle caratteristiche dell’aspetto di un prodotto che devono necessariamente essere riprodotte nella loro forma e nelle loro dimensioni esatte affinché il prodotto in cui è incorporato o al quale è applicato il disegno o modello, possa essere raccordato meccanicamente ad un altro prodotto, collocato all’interno o intorno ad un altro prodotto o essere posto in contatto con un altro prodotto, in modo che ciascun prodotto possa svolgere la propria funzione”. Il Tribunale prosegue statuendo che, “in via eccezionale, i raccordi meccanici di prodotti modulari possono costituire un elemento importante delle caratteristiche innovatrici dei prodotti modulari e una risorsa preziosa per la loro commercializzazione, sicché dovrebbero essere ammessi a godere della protezione”.

In sostanza, si può concludere che un disegno o modello comunitario ben può conferire diritti su un disegno o modello inteso a consentire l’assemblaggio o il collegamento multipli di prodotti interscambiabili all’interno di un sistema modulare.

Avv. Silvia Perra