Articoli

13 Maggio 2020
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

EventBot, il nuovo malware che minaccia i conti correnti: come difendersi?

Bypassa l’autenticazione a due fattori e accede a pagine riservate. Si tratta di un trojan che per le sue capacità di evolversi rapidamente sembra essere sempre in grado di hackerare i sistemi.

EventBot è un trojan che, abusando delle funzionalità di accessibilità di Android, ruba i dati degli utenti dalle applicazioni finanziarie e legge i messaggi SMS per consentire al malware di bypassare l’autenticazione a due fattori e accedere alle pagine riservate del mobile banking. In questo modo, EventBot oltre a raccogliere informazioni finanziarie e bancarie, dati personali e password, consente all’aggressore di accedere direttamente ai conti bancari degli utenti.

Sembra che il malware abbia come obiettivo gli utenti di oltre 200 diverse applicazioni finanziarie, tra cui rientrano Paypal Business, Revolut, Barclays, UniCredit, CapitalOne UK, HSBC UK, Santander UK, TransferWise, Coinbase, Paysafecard.

Il gruppo di studio Cybereason Nocturnus segue EventBot da tempo e ha rilevato la peculiare capacità dello stesso di evolversi rapidamente: dall’inizio di marzo 2020, il team ha riscontrato quattro versioni diverse del malware.

Come difendersi?

In questi casi, le misure da prendere non sono mai sufficienti. Tuttavia, qualche consiglio potrebbe risultare utile. Si potrebbe cominciare con il mantenere il proprio dispositivo mobile sempre aggiornato alle ultime versioni; tenere sempre acceso Google Play Protect; evitare di scaricare applicazioni mobili da fonti non ufficiali o non autorizzate; utilizzare soluzioni di rilevamento delle minacce mobili, per una maggiore sicurezza.

Si raccomanda comunque di utilizzare sempre un pensiero critico quando si scaricano le applicazioni per dispositivi mobili, valutando se è il caso di dare tutti i permessi che vengono richiesti ed analizzando anche la privacy policy.

Avv.ti Vincenzo Colarocco e Marta Cogode