Articoli

27 Marzo 2020
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

Emergenza Covid-19: l’intervento di Confindustria e Associazione Bancaria Italiana

Avv. Daniele Franzini

L’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione dell’epidemia del Covid-19 e la conseguente, ormai inevitabile, crisi economica ha portato all’intervento di Confindustria e di ABI (Associazione Italiana Bancaria), che hanno rilevato la necessità di sostenere finanziariamente “le imprese danneggiate dalla temporanea interruzione/riduzione dell’attività, al fine di evitare la perdita di capacità produttiva e relazioni commerciali”. 

Per tali motivi, Confindustria ha sottoscritto con ABI e le altre Associazioni di categoria, un Addendum per potenziare le misure dell’Accordo per il Credito siglato nel 2019.

In virtù di tale accordo, le PMI italiane “in bonis” potranno richiedere fino al 31 dicembre 2020: (i) la sospensione fino a 12 mesi del pagamento della quota capitale di mutui e leasing (in essere al 31 gennaio 2020), (ii) l’allungamento fino al 100% della durata residua del piano di ammortamento dei mutui (in essere al 31 gennaio 2020), (iii) l’allungamento fino a 270 giorni delle scadenze previste per i finanziamenti a breve, ed infine, (iv) l’allungamento fino a 120 giorni delle scadenze per il credito agrario di conduzione.

Le richieste avanzate dalle PMI dovranno essere valutate dalle banche aderenti all’iniziativa, nel rispetto delle proprie procedure e ferma restando la loro autonoma valutazione.