Articoli

Facebook e il negoziato con la FTC per la nomina di un comitato di supervisione privacy

Avv. Vincenzo Colarocco

Nel contesto dell’indagine aperta dalla Federal Trade Commission (FTC) per il caso Cambridge Analytica sono in corso delle trattative tra Facebook e la sopra citata agenzia governativa americana per la negoziazione di un accordo che prevede una fortificazione delle privacy practices dell’azienda.

Tra gli aspetti oggetto di negoziazione sembrerebbe che Facebook per rafforzare la tutela dei dati dei propri utenti abbia accettato di creare un privacy committee da riunire trimestralmente, composto da membri del Consiglio di amministrazione di Facebook. Il negoziato in corso prevede, inoltre, la possibilità di designare un valutatore esterno -nominato congiuntamente da Facebook e dalla FTC- che rivesta il ruolo di soggetto in grado di analizzare la condotta dell’azienda relativamente agli ordini impartiti dalla FTC oltre che monitorare le politiche sulla privacy di Facebook. Si è prospettata, infine, la possibilità di nominare un responsabile della conformità, che potrebbe essere lo stesso Mark Zuckerberg.

Tutti gli impegni descritti e proposti in bozza di accordo, sono da inquadrare nell’ambito dell’istruttoria avviata dalla FTC per accendere un faro sul caso Cambridge Analytica, il quale ha profondamente segnato il rapporto tra Facebook e gli utenti facendo emergere con chiarezza la fondamentale importanza della protezione dei dati personali all’interno dei social media.

In relazione al caso –esploso nel marzo 2018- è in corso una valutazione (sulla più che plausibile) violazione di un accordo vincolante siglato nel 2011 con Facebook denominato consent decree secondo cui gli utenti devono sempre essere avvisati sull’eventuale uso dei propri dati personali che può avvenire solo con il loro consenso: si prevede quindi oltre che la previsione di una ingente sanzione, anche l’intesa su una nuova governance sulla privacy degli utenti.

Reddito di cittadinanza e GDPR: Il Garante interviene evidenziando i gravi rischi

Avv. Vincenzo Colarocco

Il Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, con la memoria dell’8 febbraio 2019, evidenzia come molte norme del decreto legge 28 gennaio 2019 n. 4 presentino notevoli criticità sotto il profilo della protezione dei dati personali. Si rileva come, non essendo stato richiesto il parere preventivo previsto dall’art. 36 al paragrafo 4, non sia stato possibile preventivamente individuare i rischi derivanti dalle diverse attività di trattamento. Ad avviso del Garante, infatti, le norme mancano di sufficiente precisione: le previsioni, di portata generale, si rivelano inidonee a definire con sufficiente chiarezza le modalità di svolgimento delle procedure di consultazione e verifica delle varie banche dati. In particolare, non appare rispettato il principio di proporzionalità poiché la sorveglianza su larga scala, continua e capillare, dei soggetti interessati determinerebbe un’intrusione sproporzionata e ingiustificata nella sfera privata dei singoli. Si contesta, in particolare, che attraverso le due piattaforme digitali, da istituire una presso l’ANPAL e l’altra presso il Ministero del lavoro, transiterebbe un massivo flusso di informazioni e di dati, riferiti tanto ai richiedenti quanto ai componenti il nucleo familiare degli stessi – ivi inclusi i dati dei minorenni – idonei anche a rivelare lo stato di salute o l’eventuale sottoposizione a misure restrittive della libertà personale. La mancanza di regole pertinenti e di adeguati accorgimenti, in grado di garantire la qualità e l’esattezza dei dati, espone a rischi di non poco momento. Forti dubbi si nutrono anche in merito al cd. monitoraggio sull’utilizzo della carta Rdc, su cui possono essere compiuti dei controlli puntuali, centralizzati e sistematici sulle scelte di consumo individuali, in assenza di procedure ben definite. L’Autorità si mostra preoccupata anche dalla Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), presupposto per il riconoscimento del reddito di cittadinanza e prodromica al rilascio dell’attestazione Isee: il documento in parola, infatti, verrebbe precompilato a cura dell’INPS, con la collaborazione dell’Agenzia delle Entrate. La precompilazione, per quanto risponda all’ esigenza di semplificazione amministrativa, non può pregiudicare la sicurezza e l’integrità dei dati contenuti.. Il Garante, infine, rileva come il sito web del Governo, dedicato al reddito di cittadinanza, mostri alcune carenze, specie con riferimento all’informativa sul trattamento dei dati.