Articoli

Cessione dei crediti e trattamento dei dati: il principio di minimizzazione deve esser sempre rispettato

Avv. Vincenzo Colarocco

Con recente ordinanza (n. 34113/2019) del 19 dicembre 2019, la Suprema Corte di Cassazione ha avuto modo di esprimersi circa il corretto (e doveroso) bilanciamento tra il trattamento dei dati personali connesso alle attività di recupero del credito ed il principio di minimizzazione dei dati, sottolineando la necessità di limitare le attività di trattamento ed il novero dei dati trattati a quanto strettamente necessario per il perseguimento delle finalità alla base della raccolta.

Per quanto attiene al caso di specie sotteso alla pronuncia in esame, basti sinteticamente rilevare che, con sentenza del 2012, il Tribunale di Napoli condannava il Banco di Napoli s.p.a. a rifondere in favore dell’attore una cospicua somma di denaro dovuta a titolo di responsabilità pre-contrattuale, oltre al risarcimento dei danni quantificati nella somma di € 5.000,00 per violazioni della vigente normativa in materia di protezione dei dati personali. Tali violazioni sarebbero, in particolare, state perpetrate in relazione al trattamento dei dati dell’attore connesso alla fase della cessione del credito da parte dell’istituto bancario.

Del medesimo avviso non risultava la competente Corte d’Appello evidenziando come, una volta eseguito il pignoramento immobiliare, risulterebbe inevitabile che la vicenda debitoria travalichi gli stretti ambiti del rapporto debitore-creditore, coinvolgendo tutti i possibili soggetto interessati all’acquisto del bene staggito.

L’interessato de quo proponeva quindi ricorso per Cassazione adducendo, tra gli altri motivi d’impugnazione, anche la violazione e falsa applicazione degli artt. 15 e seg. del D. Lgs. del Codice Privacy (per tale intendendosi la versione ratione temporis vigente, antecedente alle modifiche apportate dal D. Lgs. 101/2018) in virtù dell’asserita circostanza per cui la Banca la Banca avrebbe segnalato l’interessato debitore a soggetti privati “acquirenti di crediti”, fornendo loro dati sensibili in ordine alla persona del debitore, alla sua abitazione e alla sua situazione debitoria.

La Suprema Corte, quindi, nel rigettare le descritte doglianze, ha avuto modo di soffermarsi anche sull’attuale quadro normativo, rappresentando che il previgente “principio di necessità del trattamento”, di cui agli abrogati artt. 3 e 11 del Codice Privacy, sia stato recentemente riaffermato con l’entrata in vigore dell’art. 5 lett. c) del Regolamento UE 2016/679 (“GDPR”), a mente del quale i dati dovranno risultare “adeguati, pertinenti e limitati a quanto necessario rispetto alle finalità per le quali sono trattati («minimizzazione dei dati»)”.

La Cassazione, in più, si è espressa anche in ordine all’onere della prova circa la lamentata violazione del principio di minimizzazione dei dati, sottolineando come il ricorrente non avesse fornito alcuna dimostrazione in merito alla violazione del detto principio nell’ambito della comunicazione dei propri dati a soggetti terzi; ulteriormente rilevandosi che la Banca non potrebbe incorrere, a priori, in una violazione della normativa in ambito privacy “solo perché abbia fornito ai soggetti acquirenti del credito informazioni riguardanti la debitrice funzionali alla cessione del credito, quali la situazione debitoria, ubicazione dell’immobile vincolato alla garanzia del credito, etc.”.

Minimizzazione dei dati: il Garante danese sanziona una compagnia di taxi

Avv. Vincenzo Colarocco

Con un recente provvedimento pubblicato a seguito di un’attività ispettiva effettuata lo scorso ottobre, l’Autorità Danese, rilevando la sussistenza di una violazione del principio di minimizzazione dei dati, ha sanzionato con una multa da € 160.000,00 la società di taxi “Taxa 4×35”.

In dettaglio, nell’ambito del trattamento dati correlato agli ordini effettuati dai clienti, la società si era imposta una data retention pari a 2 anni, rilevando come un trattamento ulteriore non risultasse giustificato da alcuna necessità aziendale. L’Autorità, nell’ambito della suddetta attività ispettiva, verificava però come, per quanto la suindicata conservazione fosse concretamente realizzata ed adeguata rispetto alle finalità perseguite, non comprendesse tutti i dati identificativi del cliente. Infatti l’anonimizzazione era limitata al nome e al cognome, mentre non veniva intaccato il numero di telefono del cliente, dato per il quale la società aveva invece imposto una conservazione di 5 anni.

Alla luce di quanto sopra, la competente Autorità non ha potuto che constatare una violazione del principio di minimizzazione dei dati di cui all’art. 5, par. 1, lett. c) del Regolamento UE 679/2016 (“GDPR”). In particolare non risultava correttamente utilizzata la misura tecnica dell’anonimizzazione dal momento che, prevedendo una retention più ampia per il numero di cellulare del cliente, a quest’ultimo ben potevano essere ricondotti una serie di dati afferenti alla corsa in taxi effettuata (es: data della corsa, ora di inizio e di fine della stessa, il numero di chilometri percorsi, il pagamento, la posizione iniziale e finale specificati come coordinate GPS) oltre il termine di due anni previsto per la conservazione del proprio nome e cognome.

È infatti evidente come, finché una corsa in taxi può essere collegata al cliente che ha prenotato il viaggio, le relative informazioni sono da considerarsi informazioni personali sul cliente.

Il garante vieta di rendere pubbliche le valutazioni e le contestazioni disciplinari al dipendente

Avv. Vincenzo Colarocco

È illecita l’affissione in bacheca di dati personali relativi alle valutazioni e alle contestazioni disciplinari dei soci lavoratori. Questo è quanto afferma il Garante con il provvedimento n. 500 del 13 dicembre 2018. In particolare, una società toscana aveva messo in atto una sorta di “concorso a premi” obbligatorio per i lavoratori e, settimanalmente, pubblicava sulla bacheca aziendale le valutazioni sull’attività dei propri lavoratori attraverso un cartello nel quale i volti dei dipendenti erano associati a emoticon che rappresentavano, in forma sintetica, i giudizi, positivi o negativi, espressi sul socio, corredati, se del caso, dalle contestazioni disciplinari. La valutazione negativa comportava una decurtazione dallo stipendio.

Il Garante, sul punto, ritiene che sia conforme a normativa che il datore di lavoro tratti i dati necessari a compiere la valutazione sul corretto adempimento della prestazione lavorativa del proprio dipendente, cui eventualmente consegue l’esercizio del potere disciplinare nei modi e nei limiti previsti dalla disciplina di settore. Tuttavia, la sistematica messa a disposizione delle medesime informazioni mediante affissione su una bacheca all’interno dei locali della società, pubblicamente, in modo da rendere edotti tutti gli altri dipendenti ed eventuali terzi visitatori, non appare lecita, in quanto, tali soggetti, non sono legittimati a conoscere i dati personali riguardanti valutazioni e rilievi disciplinari.

I trattamenti effettuati si pongono, dunque, in contrasto con il Regolamento (UE) 2016/679 e sono da ritenersi illeciti perché non rispondenti al principio di liceità, correttezza e trasparenza, nonché a quello della minimizzazione dei dati. Le informazioni concernenti valutazioni e contestazioni disciplinari sono particolarmente delicate poiché incidono sulla dignità professionale del dipendente.

Del resto, il fatto che i soci lavoratori avessero prestato il proprio consenso a partecipare al concorso non pare essere dirimente: tale manifestazione di volontà non può costituire la base giuridica idonea a legittimare il trattamento di dati personali. La ragione è data da un lato, dalla sussistenza di un’asimmetria tra le rispettive parti del rapporto di lavoro, cui consegue la necessità di accertare di volta in volta e in concreto l’effettiva libertà del consenso espresso; dall’altro, il consenso prestato dai soci potrebbe unicamente riguardare l’autorizzazione a detrarre dalla busta paga eventuali decurtazioni derivanti da valutazioni negative.