Articoli

La Suprema Corte è chiamata a trovare un punto di equilibrio tra diritto all’oblio e diritto di cronaca

Avv. Vincenzo Colarocco

Con l’ordinanza 28084, le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione sono state chiamate ad individuare, una volta per tutte, i presupposti che autorizzino la compressione del diritto all’oblio in luogo dell’esercizio del diritto di cronaca. Nel caso di specie, la richiesta di cancellazione ha ad oggetto un articolo del 2009 su un caso di omicidio in ambito familiare verificatosi nel 1982, il cui colpevole ha già scontato i 12 anni di reclusione cui era stato condannato e lamenta danni sia psicologici che patrimoniali. L’esigenza di un indifferibile chiarimento è emersa in maniera ancora più evidente a seguito di un’altra recedente ordinanza della stessa Corte, nella quale veniva individuata una serie di punti, cinque per la precisione, per giustificare la compressione del diritto all’oblio a favore di quello di cronaca, tra i quali figuravano l’interesse effettivo e attuale alla diffusione della notizia, la notorietà della persona interessata, le modalità utilizzate per dare l’informazione, la concessione di un dritto di replica. L’ordinanza 28084 pone l’accento anche sulla tutela dei dati personali, evidenziando come in occasione della definizione dei suddetti parametri, non possa non tenersi conto del nuovo “diritto all’oblio”, introdotto all’art. 15 dal Regolamento europeo sulla protezione e libera circolazione dei dati personali, meglio noto come GDPR.