Articoli

Il Garante svedese sanziona Google con una multa da 7 milioni di Euro per violazione del diritto all’oblio

Avv. Vincenzo Colarocco

Il Garante privacy svedese ha avviato due istruttorie, rispettivamente nel 2017 e nel 2018, volte a verificare la compliance di Google in relazione alla gestione delle richieste provenienti dagli utenti interessati per l’esercizio del diritto all’oblio. All’esito di tali istruttorie, il Garante ha ritenuto violate le disposizioni del GDPR (in particolare, dell’art. 17) ed ha dunque comminato una sanzione di 7 milioni di Euro al motore di ricerca. Anzitutto il Garante ha rilevato che il delisting richiesto non era stato completamente posto in essere in due specifici casi e ha dunque aperto una nuova indagine di follow-up conclusasi con la rilevazione di una pratica non ammessa. Da quanto emerso, infatti, quando Google, in accoglimento della richiesta dell’interessato, rimuove un risultato dalle ricerche ne dà notizia al titolare del sito web su cui tale notizia è stata pubblicata: ciò permette ai titolari di ripubblicare la pagina web in questione su un altro indirizzo web che, dunque, ri-apparirà poi in una ricerca sul motore di Google, con ogni conseguente pregiudizio per il diritto espressamente riconosciuto dalla normativa comunitaria.

Diritto all’oblio: a che punto siamo?

Avv. Vincenzo Colarocco

L’Autorità Garante Italiana, con provvedimento del 24 luglio 2019 n. 153, afferma il principio secondo il quale il diritto all’oblio va riconosciuto anche a chi è stato riabilitato dopo una condanna.

Nel caso oggetto della pronuncia, l’interessato, dopo aver tentato di far deindicizzare le pagine direttamente a Google, si era rivolto all’Autorità lamentando il pregiudizio derivante alla propria reputazione personale e professionale dalla permanenza in rete di informazioni obsolete e non aggiornate. Per questo motivo aveva chiesto al Garante di ordinare a Google la rimozione dai risultati di ricerca di due Url, reperibili digitando il proprio nominativo, che contenevano informazioni su una vicenda giudiziaria che lo aveva visto coinvolto nel 2007 e sulla sentenza di condanna pronunciata nei suoi confronti nel 2010. Nelle pagine web però non vi era alcuna traccia della successiva riabilitazione che l’uomo aveva chiesto e ottenuto nel 2013. L’Autorità, nel giudicare fondato il reclamo, ha ordinato la deindicizzazione, sulla base della considerazione che l’ulteriore trattamento dei dati realizzato attraverso la persistente reperibilità in rete degli Url contestati, nonostante la riabilitazione e il tempo trascorso dal verificarsi dei fatti, determinasse un impatto sproporzionato sui diritti dell’interessato, peraltro non bilanciato da un attuale interesse del pubblico a conoscere la vicenda.

Vero è che l’attività di informazione presenta in molti casi profili di conflitto con il diritto alla riservatezza dei soggetti cui le notizie diffuse si riferiscono, da cui la necessità di individuare il giusto equilibrio tra i contrapposti interessi di rango costituzionale. Il diffondersi della memoria digitale e la capacità dei motori di ricerca di mettere in correlazione una molteplicità di informazioni che attengono a una medesima persona, la permanenza delle notizie diffuse tramite internet e la facilità di fruibilità da parte degli utenti del materiale divulgato, pongono sempre in nuovi termini la problematica della tutela dei dati sensibili. In questo contesto, assume rilevanza il diritto all’oblio, considerato quale peculiare espressione del diritto alla riservatezza e del legittimo interesse di ciascuno a non rimanere indeterminatamente esposto ad una rappresentazione non più attuale della propria persona derivante dalla reiterata pubblicazione di una notizia, con pregiudizio alla propria reputazione e riservatezza. A ben guardare, tali circostanze assumono un rilievo di particolare importanza se si ha a riguardo la permanenza in rete di notizie di cronaca giudiziaria, non aggiornate, potendo rappresentare altresì un ostacolo al reinserimento sociale della persona.

Ed infatti, nel caso di specie, la persistenza in rete di tali informazioni giudiziarie non aggiornate non è in linea con i principi alla base dell’istituto della riabilitazione, il quale, pur non estinguendo il reato, comporta il venir meno delle pene accessorie e di ogni altro effetto penale della condanna come misura premiale finalizzata al reinserimento sociale della persona.

L’Avvocato Generale della Corte di Giustizia nel caso Facebook Ireland

Avv. Vincenzo Colarocco

Nel procedimento C-18/18, giunto innanzi alla Corte di Giustizia, al centro della controversia vi è un commento diffamatorio postato sul social network Facebook a seguito del quale la diffamata, Eva Glawischnig-Piesczek, ricorrente aveva ottenuto il blocco dei Dns (Domain Name System), blocco che ha consentito al contenuto di non essere più visibile ai cittadini austriaci.

Più nello specifico, un utente di Facebook aveva condiviso, sulla sua pagina personale, un articolo di una rivista di informazione austriaca online titolato «I Verdi: a favore del mantenimento di un reddito minimo per i rifugiati», commentandolo con un commento degradante nei confronti della signora Glawischnig-Piesczek, e tale contenuto risultava visibile a qualsiasi utente di Facebook.

All’indomani della diffusione di tale contenuto e della richiesta di cancellazione dello stesso da parte della diretta interessata, nell’inottemperanza di Facebook, la sig.ra Glawischnig-Piesczek domandava che venisse ordinato a Facebook di cessare la pubblicazione e/o diffusione identiche al commento contestato e/o dal «contenuto equivalente». Tuttavia, la rimozione del contenuto avveniva solo con riferimento al territorio austriaco.

L’Oberster Gerichtshof (Corte Suprema, Austria), accertata l’illiceità del contenuto pubblicato, chiamato a statuire sulla questione se il provvedimento inibitorio possa anche essere esteso, a livello mondiale, alle dichiarazioni testualmente identiche e/o dal contenuto equivalente di cui Facebook non è a conoscenza, ha chiesto alla Corte di giustizia di interpretare in tale contesto la direttiva sul commercio elettronico.

In data 4 giugno 2019 sono pervenute le conclusioni dell’Avvocato Generale, il quale ha ritenuto che la direttiva sul commercio elettronico non osti a che un host provider che gestisce una piattaforma di social network, quale Facebook, sia costretto, mediante un provvedimento ingiuntivo, a ricercare e ad individuare, tra tutte le informazioni diffuse dagli utenti di tale piattaforma, le informazioni identiche a quella qualificata come illecita dal giudice che ha emesso tale provvedimento ingiuntivo.

Tale approccio consente di garantire un giusto equilibrio tra i diritti fondamentali coinvolti, ossia la protezione della vita privata e dei diritti della personalità, quella della libertà d’impresa, nonché quella della libertà d’espressione e d’informazione.

Ad avviso dell’avvocato generale, poiché la direttiva non disciplina la portata territoriale di un obbligo di rimozione delle informazioni diffuse tramite una piattaforma di social network, essa non osta a che un host provider sia costretto a rimuovere siffatte informazioni a livello mondiale.

 

Tali conclusioni non devono tuttavia indurre in errore e perciò sovrapporsi a quanto statuito dallo stesso Avvocato Szpunar relativamente al caso Google c. CNIL: in quell’occasione questi ha ritenuto necessaria una differenziazione a seconda del luogo a partire dal quale è effettuata la ricerca, sottolineando infatti che, sebbene per determinati ambiti – ad esempio in materia di diritto della concorrenza o di diritto dei marchi – sono ammessi in determinati casi effetti extraterritoriali, tale possibilità non sarebbe comparabile alla materia della protezione dei dati personali.

La differenziazione è obbligatoria tenuto conto che il concetto di deindicizzazione differisce da quello di cancellazione/rimozione, attività quest’ultima che presuppone l’accertata illiceità del contenuto. Nel primo caso, infatti, per contro, non ricorrendo aspetti diffamatori, ma solo l’obsolescenza del contenuto (veritiero), l’interesse pubblico all’informazione potrebbe giustificare la limitazione dell’applicazione extraterritoriale della normativa sulla riservatezza, così come ponderata in quell’occasione in sede di conclusioni dall’Avvocato Generale.