Emergenza data breach: colpite la catena di alberghi marriott e quora

Avv. Vincenzo Colarocco

Ben quattro anni dopo l’accaduto, la catena di alberghi Marriott annuncia di aver subito attacchi informatici tali da mettere a rischio i dati personali di circa 500 milioni di soggetti. Solo a seguito di una segnalazione ricevuta l’8 settembre scorso, il colosso alberghiero ha avviato un’inchiesta interna che avrebbe svelato simili violazioni: per alcuni clienti, sarebbero state trafugate anche le coordinate bancarie, oltre naturalmente ai dati anagrafici e agli indirizzi di posta elettronica. Ad oggi, il gruppo dichiara di non aver ancora del tutto definito la portata del breach, non essendo in grado di identificare precisamente quali e quante informazioni siano state “hackerate” prima della scoperta dell’accaduto. La notizia che potrebbe esporre il colosso ad ingenti sanzioni è che, nonostante i dati fossero criptati, gli hacker sarebbero venuti in possesso delle chiavi di accesso.

Il breach sembra non risparmiare nessuno: di questi giorni la notizia di un’altra violazione, questa volta verificatasi ad una piattaforma dedicata all’informazione, Quora.

Il sito web di domande e risposte ha annunciato, mediante l’invio di un’e-mail ai soggetti coinvolti, di avere subìto un attacco informatico che ha interessato i dati di almeno 100 milioni di suoi utenti. L’elemento distintivo di questo attacco è che ha riguardato non soltanto le anagrafiche, gli indirizzi e-mail e le password, ma anche altri dati personali  dell’utente, ulteriori rispetto a quelli di registrazione, dal momento che l’accesso alla piattaforma è disponibile anche mediante l’account creato su altri social network.

Le linee guida sull’applicazione dell’ambito territoriale del gdpr

Avv. Vincenzo Colarocco

Il testo chiarisce alcuni aspetti dell’articolo 3 del GDPR che, come noto, obbliga molti dei top player del mondo digitale al rispetto della normativa privacy europea. In concreto, infatti, come si fa a stabilire quando una società asiatica sia tenuta al rispetto del GDPR? Che dire di chi commercializza i propri prodotti tramite un portale e-commerce: l’apertura di un ufficio in Italia può essere considerata come uno stabilimento?

I Garanti Europei sono intervenuti per rispondere a questi e altri quesiti più o meno complessi, al fine di rendere agevole la comprensione e, dunque, l’applicazione della lettera della norma. L’articolo 3 del GDPR enuclea due criteri principali: quello dello “stabilimento” e quello che si basa sull’“oggetto delle attività di trattamento”. Se uno di questi due criteri è soddisfatto, troveranno applicazione le disposizioni pertinenti del GDPR. Inoltre, al paragrafo 3 conferma l’applicazione della normativa vigente in caso di trattamento dei dati personali effettuato da un titolare del trattamento che non è stabilito nell’Unione, ma in un luogo soggetto al diritto di uno Stato membro in virtù del diritto internazionale pubblico.

È evidente come le Linee Guida potranno produrre forti conseguenze tanto sulle istituzioni quanto sulle imprese europee e straniere. Per tali ragioni, il Board Europeo dei Garanti ha sottoposto il testo a consultazione pubblica prima della sua definitiva approvazione.

Si attende, pertanto, il testo definitivo che sarà sicuramente utile al fine di garantire una corretta interpretazione della norma.

Violenza sessuale: vietata la pubblicazione di informazioni che possano identificare la vittima, anche indirettamente

Avv. Vincenzo Colarocco

Il Garante per la protezione dei dati personali ha ribadito, con alcune recenti decisioni (cfr. inter alia n. 9065807, 9065782, 9065800) il principio per cui viene fatto divieto ai media di diffondere informazioni che possano rendere identificabile, anche in via indiretta, una vittima di violenza sessuale.

L’art. 137 del Codice della Privacy prevedeva – e tuttora dispone nel nuovo testo dell’art. 12, comma 1, lett. c), del d.lgs. 101/2018,– che in caso di diffusione o di comunicazione di dati personali per finalità giornalistiche restano fermi i limiti del diritto di cronaca a tutela dei diritti e delle libertà delle persone e, nello specifico, il limite dell’essenzialità dell’informazione riguardo a fatti di interesse pubblico.

Il Garante ha affermato che detto limite deve essere interpretato con particolare rigore quando vengono in considerazione dati idonei a identificare vittime di reati, a maggior ragione con riferimento a notizie che riguardano episodi di violenza sessuale, attesa la particolare tutela accordata dall’ordinamento, anche in sede penale, alla riservatezza delle persone offese da tali delitti.

La diffusione all’interno di un articolo di informazioni idonee a rendere, sia pure indirettamente, la vittima identificabile, risulta in contrasto con le esigenze di tutela della dignità della medesima anche in ragione dell’art. 8, comma 1, del codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell’esercizio dell’attività giornalistica.

Il Garante ha ricordato che in caso di inosservanza del divieto, il titolare del trattamento, in questo caso l’editore, può incorrere anche nelle nuove sanzioni amministrative introdotte dal GDPR, all’art. 83, par. 5, lett. e), che possono raggiungere i 20 milioni di euro o il 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente.

Facebook: l’antitrust rigetta l’eccezione di competenza in tema di privacy

Avv. Vincenzo Colarocco

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), con provvedimento del 29 novembre 2018, ha chiuso l’istruttoria per presunte violazioni degli articoli 21, 22, 24 e 25 del Codice del Consumo, avviata lo scorso aprile, nei confronti di Facebook Ireland Ltd. e della sua controllante Facebook Inc., irrogando alle stesse due sanzioni per complessivi 10 milioni di euro.

Secondo l’Antitrust, Facebook avrebbe posto in essere pratiche commerciali scorrette:

– inducendo ingannevolmente gli utenti a registrarsi sulla piattaforma social, dato che Facebook non fornirebbe, in fase di attivazione dell’account, informazioni adeguate ed immediate circa l’attività di raccolta dei dati che viene svolta a fini commerciali, e più in generale, non verrebbero messe in luce le finalità remunerative che in realtà risulterebbero essere alla base della fornitura del servizio di social network, enfatizzandone la sola gratuità e inducendo così gli utenti ad “assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbero altrimenti preso” (registrazione al social network e permanenza nel medesimo);

– esercitando un “indebito condizionamento” nei confronti degli utenti/consumatori registrati, i quali subirebbero in modo inconsapevole ed automatico, cioè senza espresso e preventivo consenso, ma attraverso “l’applicazione di un meccanismo di preselezione del più ampio consenso alla condivisione di dati”, la trasmissione degli stessi da Facebook a siti web e/o app di terzi e viceversa, per finalità commerciali, ponendo in essere una pratica aggressiva.

Probabilmente quest’ultimo rappresenta uno dei punti più delicati della vicenda, in quanto potrebbe essere direttamente collegato a tutte le pratiche emerse dallo scandalo Cambridge Analytica in poi (clicca qui).

In considerazione dei rilevanti effetti di tali pratiche sui consumatori, l’Autorità ha altresì imposto a Facebook (ai sensi dell’art. 27, comma 8, del Codice del Consumo) l’obbligo di “pubblicare una dichiarazione rettificativa sul sito internet e sull’app per informare gli utenti consumatori”.

Risultano interessanti le argomentazioni dell’AGCM in merito al mancato accoglimento dell’eccezione sollevata da Facebook in relazione alla possibile incompetenza dell’Autorità stessa a trattare il caso, in ragione di possibili sovrapposizioni con le materie regolate dalla normativa sulla privacy. A tal proposito l’Autorità ha ritenuto che “non sussiste un conflitto tra le due discipline, integrandosi, piuttosto, le stesse in maniera complementare”.

Comminate le prime sanzioni per violazioni al gdpr

Avv. Vincenzo Colarocco

A circa sei mesi di distanza dall’entrata in vigore del Regolamento UE 679/2016 (“GDPR”), recante la nuova disciplina in materia di trattamento dei dati personali nel contesto comunitario, si segnalano le prime sanzioni derivanti da violazioni del nuovo tessuto normativo.

Anzitutto si segnala un provvedimento sanzionatorio adottato dal Garante Privacy Austriaco in relazione ad un inappropriato utilizzo dei sistemi di videosorveglianza aziendali (per un approfondimento sul tema, in lingua originale, clicca qui). In particolare, l’azienda sanzionata risultava munita di videocamere che, prescindendo da una concreta finalità, da qualunque segnalazione al Garante e dall’esposizione della dovuta segnaletica, riprendevano non solo gli ingressi agli stabilimenti aziendali ma anche i volti di chi percorrevi gli attigui marciapiedi. In tale circostanza la sanzione comminata è stata pari ad euro 4.000,00 circa.

Da riportarsi è anche la sanzione conseguente ad un caso di data breach verificatosi in Germania. Nonostante i casi di violazione di dati personali non si siano certo fatti attendere in questa prima fase di entrata in vigore del GDPR, il provvedimento adottato dal Garante Tedesco (disponibile qui in allegato in lingua originale) si attesta sinora come una rarità nello scenario comunitario. La particolarità della sanzione comminata nel caso di specie si attesta nella circostanza che l’Autorità competente sembrerebbe aver tenuto in maggior considerazione l’evidenza che i dati violati (nello specifico nome utente e password aziendali) fossero stati mal conservati dall’azienda coinvolta, piuttosto che dalla conseguente sottrazione degli stessi. Tale ultima circostanza costituirebbe infatti, stando al Garante Tedesco, la mera conseguenza di non essersi muniti di sistemi di cifratura adeguati che, seppur in caso di sottrazione di dati, avrebbero quantomeno potuto evitare che le password dei dipendenti venissero rese pubbliche. In seguito a tali eventi la sanzione adottata si è attestata sugli euro 20.000.

Le descritte misure sanzionatorie restano comunque ben più lievi rispetto a quella recentemente comminata dall’Autorità Portoghese (pari ad euro 400.000,00) ad una struttura ospedaliera nazionale rea di aver posto in essere delle politiche estremamente leggere in materia di accesso a dati sanitari, con la conseguenza che gli addetti di qualsiasi reparto potevano, con estrema facilità, non soltanto accedere, ma anche modificare i dati personali e sanitari contenuti nelle cartelle cliniche di tutti i pazienti ospiti del complesso ospedaliero. La portata della sanzione adottata ha fatto sì che la notizie fosse rilanciata con enfasi anche dai quotidiani nazionali portoghesi (qui un esempio).

Dal quadro esposto emerge chiaramente come le Autorità Europee Garanti della Privacy, dopo una concepibile prima fase di assestamento, guardino ormai con attenzione crescente a quel complesso di norme del GDPR attinenti alla sfera sanzionatoria, di cui tanto si è parlato nei momenti antecedenti all’entrata in vigore della nuova normativa. Risulta altresì evidente come il quadro sanzionatorio – e per l’effetto quello delle possibili condotte che possano integrarlo – si configuri come assai vario. Non adottare la dovuta segnaletica in ambito di videosorveglianza; non munirsi di policy adeguate per regolamentare l’accesso ai dati; non beneficiare di semplici sistemi di cifratura per le password dei propri dipendenti, rappresentano errori assai comuni e che possono essere commessi a qualunque livello aziendale.

Contenzioso con SKY: La liberalizzazione non incide sulla rappresentatività ex lege che l’ordinamento riconosce a SIAE

Avv. Alessandro La Rosa

Con provvedimento del 9 novembre u.s., il Tribunale civile di Milano si è espresso rigettando l’istanza di sospensione dell’esecuzione formulata da SKY Italia nei confronti di SIAE, sulla legittimità della pretesa creditoria dell’ente avente ad oggetto il pagamento dell’equo compenso ex art. 46-bis LDA.

È quindi legittimo il credito da 3 milioni di Euro vantato dall’ex monopolista del diritto d’autore nei confronti del network satellitare come «equo compenso cinema».

Come noto, i gravi motivi che giustificano il provvedimento di sospensione dell’esecuzione consistono unicamente nella possibile fondatezza dell’opposizione.

Sul punto, SKY contestava ex art. 617 c.p.c. la (i) regolarità formale del titolo e ex art. 615 c.p.c. (ii) la legittimità dello strumento utilizzato da SIAE e (iii) della stessa pretesa creditoria azionata, sia nell’an che nel quantum.

(i) E’ pacifico che le doglianze relative alla regolarità formale del titolo esecutivo devono essere proposte nel termine perentorio di 20 giorni dalla notifica del titolo, a nulla rilevando la successiva notifica dell’atto di pignoramento. Nel caso di specie l’opposizione di SKY è stata tardiva, e la Suprema Corte ha chiarito che “quando la censura del debitore si riferisce alla mancanza di un requisito formale del titolo, di immediata evidenza e immediatamente percepibile al momento della notifica del titolo esecutivo, non vi è alcuna ragione per posporre il dies a quo del termine per reagirvi al successivo atto di pignoramento” (Cass. 6732/2011);

(ii)-(iii) L’art. 1 L. 9.1.2008, n. 2, nella formulazione attualmente in vigore, qualifica SIAE come ente pubblico economico a base associativa, preposto a svolgere le funzioni di indicate nella LDA, nonché le altre funzioni attribuite dalla legge (tra cui l’accertamento e riscossione di imposte, contributi e diritti): alla SIAE è riservata ex lege l’attività di intermediazione “per l’esercizio dei diritti di rappresentazione, di esecuzione, di recitazione, di radiodiffusione ivi compresa la comunicazione al pubblico via satellite e di riproduzione meccanica e cinematografica di opere tutelate” di cui agli artt. 180 LDA e art. 180-bis LDA.

Come noto, l’art. 180 LDA è stato modificato con DL 148/2017 (convertito con modificazioni dalla L. 4.12.2017, n. 172) e, nella sua attuale formulazione, riserva l’attività di intermediazione “in via esclusiva alla SIAE ed agli altri organismi di gestione collettiva di cui al decreto legislativo 15 marzo 2017, n. 351”, con cui è stata recepita la direttiva 2014/26/UE sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi.

Dette modifiche, hanno tuttavia lasciato immutato il contenuto dell’art. 164 LDA che, attribuisce all’ “ente di diritto pubblico indicato nell’art. 180”, il potere di compiere attestazioni di credito aventi efficacia di titolo esecutivo per la riscossione dei diritti di utilizzazione delle opere dallo stesso ente tutelate. Pertanto, nella sua attuale versione l’art. 164 LDA così recita: “se le azioni previste in questa sezione e nella seguente sono promosse dall’ente di diritto pubblico indicato nell’articolo 180 si osservano le regole seguenti: […] 3) l’ente di diritto pubblico designa i funzionari autorizzati a compiere attestazioni di credito per diritto d’autore nonché in relazione ad altre funzioni attribuite all’ente; dette attestazioni sono atti aventi efficacia di titolo esecutivo a norma dell’articolo 474 del codice di procedura civile”.

In ragione dell’ampia formulazione utilizzata dal legislatore e del riferimento alle “altre funzioni attribuite all’ente”, idoneo a comprendere l’attività di intermediazione nella gestione collettiva dei diritti di autore (di cui all’art. 180 LDA), il Tribunale di Milano ha ritenuto che non vi fossero elementi per limitare la portata applicativa dell’art. 164 LDA al solo utilizzo abusivo, in assenza di contratto, delle opere tutelate da SIAE, e non anche alla riscossione dei compensi nelle ipotesi di inadempimento contrattuale (come sostenuto da SKY).

Una simile restrizione dell’operatività dell’articolo, da un lato, non trova alcun serio appiglio nella lettera della norma; dall’altro, si pone in contrasto con la ratio della disposizione: quella di consentire a SIAE la celere riscossione dei compensi dovuti per l’utilizzazione delle opere che fanno parte del repertorio tutelato da SIAE, a prescindere dalla natura della violazione. Pertanto, il Tribunale di Milano ha ritenuto che entrambi i motivi di illegittimità della norma prospettati dall’opponente non fossero idonei ad integrare i gravi motivi di cui all’art. 615 c.p.c..

La previsione dell’efficacia esecutiva dell’art. 164 LDA –in luogo della sola idoneità a costituire prova scritta del credito per l’emissione di un’ingiunzione di pagamento- appare il frutto di un complessivo bilanciamento di interessi operato dal legislatore, il quale ha inteso assicurare maggiore effettività alla tutela della proprietà intellettuale, considerata come patrimonio comune, prevedendo più celeri modalità di riscossione dei compensi da parte dell’ente dotato del potere di rappresentanza (ex lege) dei soggetti titolari dei diritti di autore e assimilati.

Non si ravvisano nemmeno profili di contrarietà con la normativa comunitaria in materia di tutela del diritto d’autore, né con i principi comunitari in materia di concorrenza di cui all’art. 102 TFUE. Il legislatore comunitario, infatti, pur rilevando l’esigenza di garantire che le società di gestione collettiva dei diritti raggiungano un livello di razionalizzazione e di trasparenza più elevato quanto al rispetto delle regole in materia di concorrenza, lascia impregiudicate le modalità di gestione dei diritti, quali le licenze collettive estese in vigore negli Stati membri, in ragione della primaria necessità di garantire una tutela effettiva del diritto d’autore.

La stessa giurisprudenza della Corte di Giustizia ha statuito che la riserva della gestione collettiva dei diritti d’autore in capo ad un unico ente collettivo può essere giustificata solo se idonea a garantire “il conseguimento dello scopo di interesse pubblico da essa perseguito e non vada oltre quanto è necessario per il raggiungimento di detto scopo”, quale la tutela dei diritti di proprietà intellettuale (CGUE C- 351/2012). Quindi, la Corte esclude che una normativa interna che riconosca la costituzione di un monopolio nell’ambito della tutela dei diritti di proprietà intellettuale si ponga per ciò solo in contrasto con i principi di cui all’art. 102 TFUE, poiché potrebbe ben costituire una situazione idonea a consentire una gestione efficace di tali diritti, nonché un controllo efficace del loro rispetto sul territorio.

Ciò che, invece, costituisce una violazione della normativa comunitaria, è la condotta dell’ente di gestione che è indotto, con il mero esercizio di diritti speciali o esclusivi che gli sono conferiti, a sfruttare abusivamente la sua posizione dominante, attraverso l’applicazione di prezzi e tariffe sensibilmente più elevate rispetto a quelle praticate, a parità di condizioni, negli altri Stati membri.

Neppure il recepimento della Direttiva 2014/26/UE sulla liberalizzazione del mercato (c.d. Direttiva Barnier) renderebbe illegittimo l’art 164 LDA, quale norma che introduce ingiustificate disparità di trattamento tra imprese operanti nel medesimo settore.

Le finalità perseguite dalla Direttiva 2014/26/UE, infatti, non devono individuarsi nell’instaurazione di un sistema che limiti al mandato individuale la modalità esclusiva per il conferimento del potere di rappresentanza dei titolari dei diritti d’autore agli organismi di gestione collettiva, bensì nel: migliorare la capacità dei membri degli organismi di gestione collettiva di esercitare un controllo sulle attività degli stessi organismi; garantire una sufficiente trasparenza da parte degli organismi di gestione collettiva; migliorare la concessione delle licenze multiterritoriali dei diritti d’autore opere musicali per l’uso online.

La direttiva non interferiscecon le modalità di gestione dei diritti in vigore negli Stati membri quali la gestione individuale, l’estensione degli effetti di un accordo tra un organismo di gestione collettiva rappresentativo e un utilizzatore, vale a dire l’estensione della concessione collettiva di licenze, la gestione collettiva obbligatoria, le presunzioni legali di rappresentanza e la cessione dei diritti agli organismi di gestione collettiva” (considerando 55).

Inoltre, l’art. 167 TFUE impone di tener conto delle diversità culturali intercorrenti tra i vari Stati membri. Pertanto, anche gli organismi di gestione collettiva devono promuovere le diversità delle espressioni culturali, in modo da favorire l’accesso al mercato dei repertori più piccoli e meno conosciuti sia fornendo servizi sociali, culturali ed educativi a beneficio dei loro titolari di diritti e del pubblico.

Infine, quanto al tema dell’equo compenso, la Direttiva 2014/26/UE pur avendo modificato parzialmente l’art. 180 LDA, consentendo agli autori di dare mandato a organismi di gestione collettiva diversi da SIAE, non incide in alcun modo sulla rappresentatività ex lege che l’ordinamento interno riconosce a SIAE a tutela dei diritti d’autore dei soggetti che non abbiano conferito mandato ad alcun organismo di gestione. Anzi tali modalità di tutela sono state ritenute funzionali ed essenziali alla tutela e allo sviluppo della creatività intesa quale “bene comune e interesse generale”, anche in relazione a c.d. repertori minori e locali, che probabilmente, non godrebbero di sufficiente protezione in un contesto di completa liberalizzazione.

 

La richiesta di autenticazione delle opere d’arte successivamente alla morte dell’artista non può essere fatta oggetto di ordine da parte dell’autorità giudiziaria

Avv. Alessandro La Rosa

Con la sentenza del 6 luglio 2018 il Tribunale di Roma si è pronunciato sulla possibilità che gli eredi di un artista defunto, ovvero la Fondazione che gestisce le opere, possano essere destinatari di un provvedimento dell’autorità giudiziaria volto a ottenere una certificazione di autenticità sulle stesse.

La controversia ha avuto inizio quando un privato, destinatario della donazione di tre opere senza titolo da parte dell’artista Cy Twombly ha chiesto, senza successo, che la Fondazione (Cy Twombly Foundation) e gli eredi dell’artista riconoscessero l’autenticità dei dipinti.

Il privato, difatti, avendo interesse a posizionare le predette opere nel mercato attraverso l’intermediazione di una casa d’aste, aveva necessità che fossero inserite nel catalogo aggiornato curato dalla Fondazione, poi rifiutatasi di inserirle nei cataloghi. Da tale rifiuto ne conseguì il diniego da parte della casa d’aste di procedere alle vendite.

A fronte del predetto rifiuto il proprietario delle opere d’arte radicava azione di merito volta, in prima battuta, ad accertare l’autenticità delle stesse, ossia la loro riferibilità all’artista e poi a obbligare la Fondazione, ovvero  gli eredi, a rilasciare il corrispondente certificato di autenticità.

Il Tribunale di Roma dichiarava l’inammissibilità di tali domande in quanto destinate al mero accertamento di un fatto storico, ovverosia, l’accertamento della paternità delle opere, senza che fosse contestualmente richiesto anche l’accertamento del rispettivo diritto.

I giudici romani nelle loro motivazioni hanno ripreso i principi già enunciati dalla sentenza dello stesso Tribunale emessa in data 14/6/2016.

La pronuncia fa leva sull’applicazione dell’art. 23 della legge sul diritto d’autore sulla base del quale il diritto morale di rivendicare la paternità dell’opera e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, ed a ogni atto a danno dell’opera stessa che possa essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione dopo la morte “può essere fatto valere, senza limite di tempo, dal coniuge e dai figli, e, in loro mancanza dai genitori e dagli altri ascendenti e dai discendenti diretti; mancando gli ascendenti ed i discendenti, dai fratelli e dalle sorelle e dai loro discendenti”.

Uno dei capisaldi nella vendita delle opere d’arte è quello secondo cui, chi vende l’opera è tenuto a garantirne l’autenticità sulla base di quanto disposto dall’art. 64 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio) il quale dispone che il venditore “ha l’obbligo di consegnare all’acquirente la documentazione che ne attesti l’autenticità o almeno la probabile attribuzione e la provenienza delle opere medesime; ovvero, in mancanza , con le modalità previste dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, una dichiarazione recante tutte le informazioni disponibili sull’autenticità o la probabile attribuzione e la provenienza”.

A fronte di tali previsioni normative, i giudici hanno stabilito che sebbene gli eredi possano rivendicare la paternità dell’opera, la facoltà di autenticazione non possa essere intesa alla stregua di un diritto riservato in esclusiva ai soggetti ivi specificati in quanto, come già precisato nella sentenza n.425/2010, “la formulazione di giudizi sull’autenticità dell’opera d’arte di un artista defunto costituisce espressione del diritto alla libera manifestazione del pensiero e pertanto può essere effettuata da qualunque soggetto accreditato esperto d’arte del mercato, fermo restando il diritto degli eredi di rivendicare la paternità di un’opera d’arte ove erroneamente attribuita ad altri o viceversa disconoscerne la provenienza”.

In altri termini, non sarebbero rinvenibili i presupposti giuridici posti a fondamento della pretesa. Ed infatti, come anche argomentato dalla Corte di merito, “la formulazione dei giudizi sull’autenticità di un’opera d’arte costituisce espressione del diritto alla libera manifestazione del pensiero (art.32 cost.) per cui l’obbligazione gravante sull’esperto chiamato a rendere una perizia, attribuzione o autenticazione, è una semplice obbligazione di mezzi e non di risultato per cui, in base al principio dell’autonomia negoziale, non può essere obbligato a stipulare un contratto avente ad oggetto la manifestazione della propria opinione secondo i desideri del richiedente”.

Peraltro, dal mancato accordo tra le parti sul rilascio della perizia non può essere automaticamente desunto il diritto del titolare delle opere a vedersi riconosciuta in giudizio l’autenticità delle stesse nei confronti degli eredi dell’artista o della Fondazione, in quanto il ricorso al giudice presuppone, indipendentemente dalle posizioni assunte dalle parti in ordine all’autenticità dell’opera, quantomeno che vi sia stata un’attestazione positiva o negativa dell’autenticità che possa violare il diritto morale di cui all’art. 20 LDA nei confronti dell’artista o causare un danno nei confronti del proprietario.

In conclusione, l’intervento dell’autorità giudiziaria non può essere invocato semplicemente per il rilascio di una attestazione di autenticità e/o di una perizia su un’opera d’arte, non rinvenendosi alcuna norma che lo consenta o che preveda tale diritto.

Tuttavia, il ricorso per l’accertamento dell’autenticità di un’opera è consentito ogni qualvolta la stessa sia munita di una qualche certificazione, poi rivelatasi falsa, ovvero ogni qualvolta sia intervenuta la contestazione di paternità.

Anche il datore può agire con rito Fornero per l’accertamento della legittimità del licenziamento

Avv. Francesca Frezza

Tutte le controversie aventi ad oggetto i licenziamenti che ricadono nell’ambito di tutela dell’art. 18 della l. 300/1970, anche se su impulso di parte datoriale, sono assoggettate al c.d. rito Fornero, introdotto dall’art. 1, commi 48 e seguenti, della l. 92/2012 (Sentenza n. 30433 del 23.11.2018)

La fattispecie sottoposta al vaglio della Corte ha ad oggetto il ricorso promosso da una società che, quattro giorni dopo aver intimato il licenziamento per giusta causa al dipendente, propone, con ricorso ex art. 1, comma 48 ss. della l. 92/2012, azione giudiziale di accertamento della legittimità del recesso.

La Corte d’Appello dichiara inammissibile la predetta domanda introdotta con il c.d. rito Fornero, sul presupposto che tale procedimento può essere instaurato solo dal lavoratore che ritiene di essere stato illegittimamente espulso dall’azienda.

La Suprema Corte nel ritenere fondato il ricorso della società, precisa che “la disciplina contenuta nell’art. 1, commi 48 e ss., tratteggia un procedimento caratterizzato da precise cadenze temporali che assicura alle controversie in essa individuate una corsia di trattazione preferenziale (v. art. 1, comma 65), con il dichiarato fine, di interesse generale, di pervenire alla celere definizione di una situazione sostanziale di forte impatto sociale ed economico, che attiene a diritti primari dell’individuo ( così, in motivazione, Cass. nr. 17326 del 2016)”.

Tale principio è evidente, prosegue la Corte, sin dal primo comma dell’art. 1 della legge nr. 92 del 2012 che precisa la finalità della norma tesa «a realizzare un mercato del lavoro inclusivo e dinamico» anche adeguando «la disciplina del licenziamento, con previsione […] di un procedimento giudiziario specifico per accelerare la definizione delle relative controversie ( art. 1, comma 1, lett. c)».

La Suprema Corte, quindi, afferma il seguente principio: “pur in presenza, all’attualità, della nuova fattispecie decadenziale di cui all’art. 6 della legge nr. 604 del 1966; l’introduzione di termini di decadenza ed inefficacia (per effetto dell’art. 32 della legge nr. 183 del 2010 e successive modifiche ex art. 1 co. 38 della legge nr. 92 del 2012) in precedenza non previsti e funzionali, in aderenza con l’art. 111 Cost., all’esigenza di consolidamento e certezza delle situazioni giuridiche (cfr. in motivazione Cass. nr. 16591 del 2018 e Cass. nr. 22824 del 2015) se idonea, sul piano concreto, a limitare le ipotesi di iniziativa datoriale, non vale ad escludere, in via assoluta e generale, la sussistenza di un interesse, degno di tutela, del datore di lavoro a rimuovere giudizialmente l’incertezza di un provvedimento di recesso, al fine di organizzare stabilmente la propria azienda

Invalide le dimissioni rassegnate dal dipendente in un momento di turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volontà cosciente

Avv. Francesca Frezza

Devono essere annullate le dimissioni rassegnate dal dipendente esposto, a causa del forte stress subito nell’ambiente lavorativo, ad una condizione transitoria di notevole turbamento psichico, che impedisca la formazione di una volontà cosciente e consapevole sulle effettive conseguenze che derivano dalla rinunzia al posto di lavoro.

A precisarlo è la Corte di Cassazione con sentenza n. 30126 del 21 novembre 2018 investita della questione a seguito del ricorso promosso da un ex dipendente di un ente comunale, che chiedeva l’annullamento delle dimissioni, in quanto rassegnate, in un momento di forte alterazione emotiva, causata da una condizione dell’ambiente lavorativo connotata da stress e insoddisfazione.

In primo e secondo grado, la predetta domanda veniva rigettata, sul presupposto che per la dichiarazione di invalidità delle dimissioni era necessaria una totale esclusione della capacità psichica e volitiva.

Il lavoratore adiva la Corte sul presupposto che per la giurisprudenza di legittimità ai fini dell’art. 428 cod. civ. non è necessaria la totale esclusione della capacità psichica e volitiva essendo sufficiente un turbamento psichico che menomi la suddetta capacità e, peraltro, il CTU aveva concluso proprio nel senso della sussistenza di tale situazione.

La Suprema Corte nell’accogliere il ricorso, richiamando i principi espressi in relazione alla fattispecie prevista dall’art. 428 cod. civ., precisa che gli stessi trovano applicazione anche in caso di domanda di annullamento dell’atto di dimissione del lavoratore dal rapporto di lavoro (vedi: Cass. 14 maggio 2003 n. 7485, cit.), con alcune puntualizzazioni quanto alle peculiari caratteristiche dell’atto e alle conseguenze del suo possibile annullamento.

In particolare, precisa la Corte: “Ai fini della sussistenza di una situazione di incapacità di intendere e di volere (quale prevista dall’art. 428 c.c.), costituente causa di annullamento del negozio, non occorre la totale privazione delle facoltà intellettive e volitive, essendo sufficiente un turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volontà cosciente, facendo così venire meno la capacità di autodeterminazione del soggetto e la consapevolezza in ordine all’importanza dell’atto che sta per compiere. Peraltro, laddove si controverta della sussistenza di una simile situazione in riferimento alle dimissioni del lavoratore subordinato, il relativo accertamento deve essere particolarmente rigoroso, in quanto le dimissioni comportano la rinuncia al posto di lavoro – bene protetto dagli artt. 4 e 36 Cost. – sicchè occorre accertare che da parte del lavoratore sia stata manifestata in modo univoco l’incondizionata e genuina volontà di porre fine al rapporto stesso”.

Legittimo il licenziamento qualora venga accertata la effettiva soppressione o redistribuzione delle mansioni svolte dal lavoratore licenziato

Avv. Francesca Frezza

In tema di licenziamento per giustificato motivo oggettivo di licenziamento è sufficiente che le addotte ragioni inerenti all’attività produttiva ed all’organizzazione del lavoro, comprese quelle dirette ad una migliore efficienza gestionale ovvero ad un incremento della redditività, determinino causalmente un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo attraverso la soppressione di un’individuata posizione lavorativa.

La Corte di Cassazione con la recentissima sentenza n. 30259 del 22 novembre 2018 ha ribadito tale concetto precisando altresì che il motivo oggettivo del licenziamento è rimesso alla valutazione del datore di lavoro, senza che il giudice possa sindacare la scelta dei criteri di gestione dell’impresa, atteso che tale scelta è espressione della libertà di iniziativa economica tutelata dall’art. 41 Cost..

Al giudice spetta esclusivamente il controllo della reale sussistenza del motivo addotto dall’imprenditore, con la conseguenza che non è sindacabile nei suoi profili di congruità ed opportunità la scelta imprenditoriale che abbia comportato la soppressione del settore lavorativo o del reparto o del posto cui era addetto il lavoratore licenziato.

Ne consegue che il Giudice dovrà valutare altresì l’effettività e la non pretestuosità del riassetto organizzativo operato, non essendo, tuttavia, necessario, ai fini della configurabilità del giustificato motivo, che vengano soppresse tutte le mansioni in precedenza attribuite al lavoratore licenziato, ben potendo le stesse essere solo diversamente ripartite ed attribuite.

Ne consegue che, una volta accertata, come nella specie, la effettiva e non pretestuosa soppressione del posto di lavoro, anche attraverso la redistribuzione delle mansioni tra gli altri dipendenti, ciò è sufficiente, nel rispetto del menzionato principio di cui all’art. 41 Cost., a giustificare il licenziamento.