L’”impressione generale differente” nel giudizio di nullità del design

Con decisione n. 000109661 emessa in data 18.5.2020, l’EUIPO ha accolto il ricorso presentato dalla Piaggio & C. S.p.a. dichiarando la nullità di un design successivo a quello della Vespa Primavera in quanto simile e, pertanto, incapace di suscitare un’impressione generale differente.
 
Cosa dice la norma

Ai sensi dell’articolo 6, paragrafo 1, lettera b), RDC, un disegno o modello comunitario registrato deve essere considerato avente carattere individuale se l’impressione generale che produce sull’utilizzatore informato differisce dall’impressione generale prodotta sul medesimo da qualsiasi disegno o modello che sia stato messo a disposizione del pubblico prima della data di deposito della domanda di registrazione del disegno o modello per il quale si rivendica la protezione.

La creatività e libertà dell’autore nell’atto di creazione del design

Nella valutazione del carattere individuale, si deve tener conto del grado di libertà dell’autore nello sviluppare il disegno o modello, da considerare in correlazione alle caratteristiche imposte precipuamente dalla funzione tecnica del prodotto.

Nel settore merceologico degli scooter la libertà del progettista è legata al tipo di veicolo e alle modalità ed esigenze di guida.

A fronte di tali presupposti, l’EUIPO ha ritenuto che il disegnatore nella creazione della parte anteriore dello scooter, della pedana, degli ammortizzatori, del sedile, del design delle ruote e della raffigurazione delle luci anteriori e posteriori abbia un grado di libertà di rappresentazione medio: tali componenti possono, difatti, essere contraddistinte da forme, colori e decorazioni diverse, così come il loro posizionamento.

La fattispecie concreta e le porzioni di design da considerare simili

Difatti, nella fattispecie concreta, a parere dell’Ufficio investito della questione, gli elementi dei due design da considerati simili sono:

  • Il telaio con un’ampia pedana nella parte anteriore e in quella posteriore.
  • Il manubrio caratterizzato da una parte centrale arrotondata che ospita un faro circolare.
  • La parte superiore dello scudo anteriore che sporge ed è convessa.
  • La parte inferiore dello scudo anteriore che è curva e concava. Il parafango anteriore è disposto sotto lo scudo anteriore e ha una forma arrotondata (becco).
  • Una sella allungata della stessa forma, disposta sulla parte posteriore del telaio.
  • Su entrambi i lati sinistro e destro, la parte posteriore del telaio si compone di una parte sporgente, principalmente a forma di goccia allungata che si dirama lungo un piano inclinato. Dal basso della sella, le parti rigonfie sono prima convesse, per poi diventare concave e poi nuovamente convesse, formando su ogni lato una parte rigonfia con la forma generale di “una goccia in una goccia”.

Design Vespa

Alla luce di tali evidenze, l’EUIPO nella decisione in commento, ha ritenuto che il disegno o modello contestato debba essere dichiarato nullo in quanto non in grado di produrre un’impressione generale diversa da quella del disegno o modello precedente, riproducendo invece fedelmente le caratteristiche del disegno o modello precedente, peraltro, non condizionate da alcuna esigenza tecnica e/o meccanica.

Avv. Silvia Perra