Allarme ransomware: azienda licenzia 300 dipendenti

Avv. Vincenzo Colarocco

“The Heritage Company”, società americana con sede in Arkansas e 61 anni d’esperienza, potrebbe chiudere definitivamente. Poco prima del Natale, infatti, circa 300 lavoratori hanno ricevuto una lettera dalla compagnia in cui si invitava gli stessi a “cercare un altro lavoro”.

All’origine dell’infausto evento ci sarebbe un attacco ransomware.

Nello specifico, la società di telemarketing era stata colpita lo scorso ottobre da un virus il quale, colpendo i server aziendali, aveva ottenuto i dati in questi circolanti, paralizzando l’attività di tutti gli impiegati. Nella lettera, ottenuta dai media locali, si leggono le parole dell’amministratore delegato, Sandra Franecke, la quale spiega che all’attacco ha fatto seguito una richiesta di riscatto alla quale, la società, ha deciso di adempiere: tutto, pur di riprendere l’attività.

Purtroppo, però, le operazioni di restore hanno richiesto più tempo del dovuto, causando all’azienda perdite per centinaia di migliaia di dollari, perdite che hanno inciso sulla scelta di adottare il drastico comunicato.

Non è la prima volta che, nell’ultimo anno, attacchi ransomware hanno portato alla perdita di posti di lavoro da parte di dipendenti aziendali e persino alla chiusura d’intere aziende.

A settembre, ad esempio, il “Wood Ranch Medical”, con sede in California, ha annunciato che avrebbe chiuso a dicembre, in quanto il provider non era stato in grado di recuperare le cartelle cliniche dei pazienti perse sulla scia di un attacco ransomware di agosto.

Il “Brookside ENT and Hearing Center” del Michigan, invece, annunciò chiusura in aprile, dopo aver rifiutato di pagare il riscatto agli hackers, con il risultato che questi ultimi hanno cancellato tutti i dati dei loro pazienti.