Telemarketing indesiderato: 11,5 milioni di euro di sanzione a Eni gas e luce

Avv. Vincenzo Colarocco

Il Garante della Privacy è intervenuto nuovamente sul trattamento dei dati personali in relazione ad iniziative promozionali ed attivazione di contratti non richiesti.

All’esito di istruttorie avviate a seguito di numerose segnalazioni dei consumatori che lamentavano la ricezione di telefonate con operatore, il Garante ha potuto riscontrare condotte di sistema adottate da Eni Gas e Luce nel corso di attività di telemarketing e teleselling indesiderate, nonché violazioni nella conclusione di contratti, all’interno del mercato libero del fornitura di energia e gas, non richiesti.

Per tali motivi, il Garante ha emesso due sanzioni per un ammontare complessivo di 11,5 milioni di euro: una prima sanzione di 8,5 milioni di euro ed una seconda sanzione di euro 3 milioni.

Le gravi irregolarità sono state la conferma dell’assenza di misure tecnico organizzative in grado di recepire le manifestazioni di volontà degli utenti; tempi di conservazione dei dati superiori a quelli consentiti; l’acquisizione dei dati dei potenziali clienti da soggetti (list provider) che non avevano acquisito il consenso per la comunicazione di tali dati, nonché determinato trattamenti non conformi al Regolamento UE, in quanto contrari ai principi di correttezza, esattezza e aggiornamento dei dati.