No all’uso dei dati senza consenso di ex-pazienti per propaganda elettorale

Avv. Vincenzo Colarocco

Con il provvedimento del 14 febbraio 2019 il Garante ha comminato una sanzione di 16 mila euro a un medico che ha utilizzato gli indirizzi di circa 3.500 ex-pazienti per inviare lettere a sostegno di un candidato alle elezioni politiche regionali del 4 marzo 2018, senza che gli interessati avessero espresso alcun specifico consenso a riguardo e per finalità completamente differenti (quelle di promozione politico-elettorale).

Le iniziative di propaganda elettorale, o collegate a referendum o alla selezione di candidati alle elezioni, costituiscono un momento particolarmente significativo della partecipazione alla vita democratica (art. 49 Cost.). Pertanto, se i dati sono raccolti presso l’interessato, quest’ultimo deve essere comunque informato a norma di legge delle caratteristiche del trattamento, salvo che per gli elementi che gli siano già noti (art. 13 del GDPR). Ancor di più, se i dati –come nel caso di specie– non vengono raccolti direttamente presso gli interessati (art. 14 del GDPR) ma ricevuti dall’Istituto oncologico all’atto della cessazione del rapporto di lavoro con la struttura sanitaria presso la quale prestava la sua attività in regime di libera professione.

È bene precisare, come già più volte chiarito dall’Autorità in materia di propaganda elettorale che i dati personali raccolti nell’ambito dell’attività di tutela della salute da parte di esercenti la professione sanitaria e di organismi sanitari, non sono utilizzabili per fini di propaganda elettorale e connessa comunicazione politica. Tale finalità non è infatti riconducibile agli scopi legittimi per i quali i dati sono stati raccolti (Provvedimento n. 107 del 6 marzo 2014). E tuttavia, il consenso è necessario anche per i dati raccolti nell’esercizio di attività professionali, di impresa o nell’ambito della professione sanitaria (Provvedimento n. 55 del 7 marzo 2019).