Le linee guida sull’applicazione dell’ambito territoriale del gdpr

Avv. Vincenzo Colarocco

Il testo chiarisce alcuni aspetti dell’articolo 3 del GDPR che, come noto, obbliga molti dei top player del mondo digitale al rispetto della normativa privacy europea. In concreto, infatti, come si fa a stabilire quando una società asiatica sia tenuta al rispetto del GDPR? Che dire di chi commercializza i propri prodotti tramite un portale e-commerce: l’apertura di un ufficio in Italia può essere considerata come uno stabilimento?

I Garanti Europei sono intervenuti per rispondere a questi e altri quesiti più o meno complessi, al fine di rendere agevole la comprensione e, dunque, l’applicazione della lettera della norma. L’articolo 3 del GDPR enuclea due criteri principali: quello dello “stabilimento” e quello che si basa sull’“oggetto delle attività di trattamento”. Se uno di questi due criteri è soddisfatto, troveranno applicazione le disposizioni pertinenti del GDPR. Inoltre, al paragrafo 3 conferma l’applicazione della normativa vigente in caso di trattamento dei dati personali effettuato da un titolare del trattamento che non è stabilito nell’Unione, ma in un luogo soggetto al diritto di uno Stato membro in virtù del diritto internazionale pubblico.

È evidente come le Linee Guida potranno produrre forti conseguenze tanto sulle istituzioni quanto sulle imprese europee e straniere. Per tali ragioni, il Board Europeo dei Garanti ha sottoposto il testo a consultazione pubblica prima della sua definitiva approvazione.

Si attende, pertanto, il testo definitivo che sarà sicuramente utile al fine di garantire una corretta interpretazione della norma.