Articoli

16 Dicembre 2020
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

L’ammissione al passivo fallimentare del credito da saldo negativo del conto corrente

In caso di declaratoria del fallimento del correntista, il credito derivante dal saldo negativo del conto corrente può essere ammesso al passivo a condizione che la banca documenti il completo andamento del rapporto mediante la produzione degli estratti conto integrali a partire dall’apertura del conto ovvero di altri strumenti rappresentativi delle intercorse movimentazioni bancarie idonei a giustificare il saldo debitore maturato.
Esclusività del procedimento di accertamento del passivo fallimentare

Ogni credito vantato nei confronti del soggetto fallito deve essere accertato secondo le norme stabilite dal regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 (c.d. Legge fallimentare), il quale regolamenta le operazioni di formazione e di verificazione dello stato passivo.

La partecipazione al procedimento di verificazione dello stato passivo costituisce per il creditore un adempimento necessario e imprescindibile onde ottenere, in sede di distribuzione dell’attivo, il soddisfacimento della pretesa vantata.

Ammissibilità del credito derivante dal saldo negativo del conto corrente e relativo onere probatorio a carico della banca

Al fine dell’insinuazione del credito derivante dal saldo negativo del conto corrente la banca ha l’onere di documentare il completo andamento del rapporto mediante la produzione dell’intera serie dei pertinenti e integrali estratti conto a partire dall’apertura del conto ovvero di altri strumenti rappresentativi delle intercorse movimentazioni (quali, a titolo esemplificativo, le contabili bancarie riferite alle singole operazioni), purché la documentazione prodotta in luogo degli estratti conto sia idonea a consentire l’integrale ricostruzione del dare e dell’avere, nonché a fornire indicazioni certe e complete tali da giustificare il saldo debitore maturato dal correntista dichiarato fallito e costituente il credito bancario oggetto della domanda di ammissione al passivo fallimentare proposta dalla medesima banca (Cass. civ., Sez. I, 2 maggio 2019, n. 11543; id., 22 ottobre 2020, n. 23138).

Avv. Rossana Mininno