Il business dei pirati digitali

La Guardia di Finanza ha scoperto un giro di centinaia di migliaia di contenuti condivisi e ceduti sul Web. Sgominata la rete dedita alle riproduzione illegale di file musicali e film, un fenomeno, sempre in crescita, attuato tramite il “warez” consistente nello scambio e successiva vendita non autorizzata di materiale digitale. La violazione del diritto d’autore, a seguito del filesharing, rappresenta un’enorme fonte di guadagno per i criminali informatici. I danni per l’economia nazionale sono enormi, basti pensare alla sottrazione di opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole di mercato.