Startup: il term sheet, chi parte bene è a metà dell’opera

Articolo dell’avvocato Milena Prisco pubblicato da Altalex

Scrivere poco e bene è una garanzia rispetto allo scrivere tanto e male, questo principio è il cardine della redazione contrattuale che vale a maggior ragione per i documenti preliminari, che avviano fasi di negoziazione pre-contrattuale.

Il term sheet è un accordo fra i fondatori della start up e gli investitori, prodromico all’auspicato contratto di investimento, che è di estrema rilevanza ed utilità per le parti se predisposto secondo principi precisi ed in maniera aderente alla natura ed allo stadio della start up, oltre che al tipo di investimento oggetto di negoziato.

La prima regola è rifuggire gli standard e porsi nell’ottica di predisporre un documento che sia funzionale a fissare lo stato della trattativa con gli investitori, gli elementi eventualmente già concordati (come i key financial) o i criteri per concordarli e le linee guida del negoziato ancora da svolgere in vista dell’eventuale processo di investimento.

Continua a leggere su Altalex