Inviolabilità del diritto alla casa

L’inviolabilità del diritto alla casa costituisce valido motivo di sospensione della procedura di esecuzione forzata.

Lo ha stabilito il Tribunale di Lodi con la recente sentenza del 3 marzo 2017, mediante la quale ha sospeso la procedura immobiliare il giorno stesso fissato per la vendita all’asta dell’appartamento di proprietà di un ex imprenditore in stato di sovra-indebitamento: il Giudice dell’esecuzione, dopo aver rilevato che l’immobile era destinato ad abitazione principale del debitore ed averne confermato l’impignorabilità, ha dichiarato aperta la fase di liquidazione richiesta dal debitore, il quale aveva a tal fine previamente predisposto un apposito piano per la composizione della crisi ai sensi della legge n. 3/2012.