Il plagio di spettacolo circense

Al fine di verificare la sussistenza di un eventuale plagio deve essere accertata non solo e non tanto la semplice somiglianza fra due spettacoli ma l’effettiva corrispondenza di elementi specularmente sovrapponibili idonei a far supporre che l’opera successivamente rappresentata, non solo abbia tratto spunto e rielaborato l’opera precedente, ma costituisca una mera sottrazione di idee di quella originaria. Allo stesso tempo, considerato che il plagiatore tende spesso a dissimulare alcuni caratteri creativi mediante leggere differenziazioni, appare necessario approfondire se gli elementi differenziativi siano meramente scenici o rappresentino l’estrinsecazione di un’idea creativa. Questi i principi espressi dalla Sezione Impresa del Tribunale di Roma con ordinanza emessa il 6 giugno 2016 all’esito di un procedimento avente ad oggetto il plagio di uno spettacolo circense.