Rimborso dei titoli argentini

Gli investitori che abbiano conferito a TFA (“Associazione per la Tutela degli Investitori in Titoli Argentini”) il mandato a recuperare le somme investite in titoli argentini prima del default, potranno recuperare il 150% del valore nominale delle obbligazioni per cui è stato conferito il mandato (al lordo della tassazione ancora da definire).

Questo il contenuto dell’accordo concluso il 21 Aprile 2016 tra il Ministero del Tesoro e della Finanza Pubblica della Repubblica Argentina e TFA. Per procedere al recupero delle somme gli investitori dovranno prendere contatti con l’istituto bancario attraverso cui era stato conferito il mandato a TFA.

Non potranno chiedere il rimborso gli Obbligazionisti che abbiano: (i) rinunciato all’Arbitrato; (ii) revocato il Mandato alla TFA; (iii) revocato la Procura a White & Case, che ha assistito TFA nell’Arbitrato; (iv) perso la titolarità delle Obbligazioni o modificato l’intestazione delle stesse; (v) intrapreso azioni legali in conflitto con gli interessi perseguiti dalla TFA (e, pertanto, TFA abbia rinunciato al Mandato da essi conferito); (vi) venduto, anche solo parzialmente, uno dei titoli oggetto del mandato.